Webinar

Seminari web 2009-2010

Webinar

14 ottobre 2009
Seminari web 2009-2010

Scarica il PDF originale.

Modulo 1.

Gli strumenti e i servizi della comunicazione 2.0

Docente di riferimento: Prof. Gino Roncaglia.
Informatica applicata alle discipline umanistiche, Università della Tuscia.
Durata: dal 16 novembre al 11 dicembre 2009.

  • Web 2.0 e Semantic Web: di cosa si tratta?
  • Classificare l’informazione: ontologie controllate e ontologie libere.
  • Social tagging e filtraggio collaborativo dell’informazione.
  • I concetti di base di XML. I Feed RSS.
  • Come cambiano i CMS?
  • Blog, Podcast, Videocast: la centralità dello User Generated Content.
  • I Social network.

 

Modulo 2.

Comunicare ai tempi del Web 2.0 Antropologia e formazione

Docente di riferimento: Prof. Piercesare Rivoltella.
Didattica generale e Tecnologie dell’istruzione, Università Cattolica di Milano.
Durata: dal 25 gennaio al 20 febbraio 2010.

Il modulo – che avrà un duplice carattere di lettura culturale e fornitura di strumenti metodologici – prevede di sottoporre ad analisi i social network da tre punti di vista:

  • Antropologico. Il problema dell’identità ha sempre costituito un punto di attenzione nello studio della Rete e delle sue manifestazioni.
    Il Web 2.0 sancisce a questo riguardo una nuova tappa, segnata dall’estroflessione: lo spazio pubblico diviene nel social network uno dei luoghi principali all’interno dei quali il processo di costruzione delle identità avviene.
  • Sociologico. Il social network costituisce uno spazio importante di costruzione del capitale sociale oggi: attraverso le reti sociali si allestiscono legami di solidarietà più o meno leggera che comunque riattivano una tendenza sociale.
  • Formativo. Il web 2.0 presenta aspetti di spendibilità di alcuni applicativi, nati con altre finalità, per la formazione. Sarà compito del modulo presentarli e discuterli sinteticamente.

Modulo 3.

Progettare e gestire iniziative di comunicazione 2.0.

Docente di riferimento: Prof. Andrea Tomasi.
Sistemi Informativi, Università di Pisa.
Riferimento pastorale: don Marco Sanavio
Altri contributi: S.E. Mons. Simone Giusti
Durata: dal 3 al 25 maggio 2010

Il modulo cerca di mettere a confronto le diverse possibilità offerte dalla “Comunicazione 2.0” per costruire proposte finalizzate alla presenza della comunità cristiana e ad iniziative di evangelizzazione, individuando per ognuna (messaggistica, sito web, social network) le possibili finalità, i destinatari, l’uso.

  • Il valore strategico della “Comunicazione 2.0” per la pastorale e per la catechesi.
  • Come organizzare una iniziativa di “Comunicazione 2.0”: la scelta dell’obiettivo, la scelta dei destinatari, la costituzione del gruppo di riferimento, le modalità di svolgimento, la verifica degli obiettivi.
  • Esigenze infrastrutturali e sostenibilità economica per la realizzazione di iniziative di “Comunicazione 2.0”.

Da strumento di informazione a piattaforma di interattività. Cambia l’uso di Internet e la rete diventa sempre più luogo di incontri e relazioni, capace di coinvolgere interi gruppi di persone, spesso accomunate da particolari interessi o appartenenze sociali.

Questo fenomeno coinvolge anche coloro che vivono nelle nostre parrocchie, dai giovani agli adulti. Conoscere i nuovi mezzi di comunicazione significa pertanto avere la possibilità di utilizzare degli strumenti efficaci anche per fini pastorali. Per questo crediamo che sia necessario avere una conoscenza approfondita e meditata di questi mezzi. Non tanto (o non solo) per gli aspetti tecnici, ma piuttosto per quelli relativi alle modalità di utilizzo di queste nuove possibilità.

Obiettivi del corso.

Il corso si propone di presentare alcune riflessioni ed esperienze per inquadrare i fenomeni legati alle nuove modalità d’uso di Internet, sintetizzate con il termine “Comunicazione 2.0”. Pertanto si analizzano nel primo modulo le forme di organizzazione delle informazioni nell’ambito dei siti web, per proseguire nel secondo modulo con l’approfondimento delle problematiche legate alla comunicazione e alle relazioni interpersonali che si stabiliscono nei social networks. Infine, nel terzo modulo, si cerca di dare qualche indirizzo per utilizzare lo strumento più appropriato per iniziative pastorali o catechistiche.

Destinatari.

Per quanto detto, il corso si rivolge a tutti coloro che sono interessati ad un approccio progettuale nell’uso pastorale degli strumenti di “Comunicazione 2.0”, o sono desiderosi di approfondire aspetti di inquadramento dei fenomeni sociali, culturali ed educativi nell’ambito della “Comunicazione 2.0”.

Quote.

La partecipazione ai seminari, riservata ai Soci WECA, è gratuita.

Iscrizione all’associazione.

A partire dal 1° gennaio 2010 è prevista una quota associativa annua di:
– 10 euro per iscrizione a titolo personale
– 20 euro per iscrizione di Enti/Associazioni.



SEGUICI SU