Tutorial

Con quale strumento posso realizzare il sito della mia parrocchia? #tutorialweca

Tutorial

27 Marzo 2019
Con quale strumento posso realizzare il sito della mia parrocchia? #tutorialweca

Come sono fatti i siti Internet? Da fuori sembrano tutti uguali, non capiamo facilmente quale sia l’ossatura, la magia che ci sta dietro. Dai tempi del primissimo web ad oggi, i siti Internet sono cambiati tantissimo, diventando sempre più “complicati” nel dietro le quinte.

E praticamente il “motore” di tutti i siti internet si chiamano “CMS”, da lì si parte a costruirlo.

Secondo Wikipedia “Un Content Management System, in acronimo CMS (sistema di gestione dei contenuti in italiano), è uno strumento software, installato su un server web, il cui compito è facilitare la gestione dei contenuti di siti web, svincolando il webmaster da conoscenze tecniche specifiche di programmazione Web.”

Perché quindi utilizzare un CMS?

1) Di sicuro rende più semplice la gestione del sito web. Un CMS infatti possiede un’interfaccia semplice ed intuitiva che permette di aggiornare i contenuti del sito web come se stessimo utilizzando il Word di Microsoft: possiamo formattare il testo, giustificarlo, cambiargli la dimensione ed il colore e possiamo inserire foto, galleries e video con pochi clicks.

2) Non dobbiamo avere necessariamente competenze tecniche da programmatori. Un CMS infatti è autoinstallante e permette la scelta di numerosi layout grafici pre-fatti, alcuni gratis e alcuni a pagamento. A noi rimarrà solo il compito di “riempirlo” con i nostri contenuti.

Possiamo scegliere due modi di utilizzare un CMS:

  • Iscrivendoci ad alcuni servizi online (ne esistono gratuiti e a pagamento)
  • Installando il software CMS su uno spazio web che abbiamo precedentemente acquistato

Entrambe le possibilità sono valide e la scelta di una o dell’altra via ricade esclusivamente sulla volontà, o meno, di farsi “carico” delle piccole problematiche che ci possono essere nel caso di una installazione proprietaria di un software. Nel caso di iscrizione al servizio online infatti è il provider che si preoccupa di tutto lasciando a noi la sola gestione dei contenuti.

Vediamo insieme 4 strumenti (ma e ne sono molti di più) che ci permettono di avere un sito dotato di CMS in pochi e semplici passaggi:

Wix

Wix (wix.com) è sicuramente il leader dei servizi online che offrono la possibilità di crearsi un sito in autonomia. Oltre 125 milioni di persone in tutto il mondo hanno scelto Wix per creare il loro sito web. Citando il testo presente sul sito web: “Con Wix, hai la libertà di creare gratis il sito web che hai sempre voluto. Non importa quanta esperienza tu abbia nella creazione di siti web.” Wix ci dà la possibilità di scegliere tra numerosi templates grafici e nel pannello di gestione mette a disposizione strumenti davvero innovativi come il drag&drop (è una funzione che ci permette di trascinare gli elementi del layout da una parte all’altra del sito web per personalizzarlo in base alle nostre esigenze) e una vasta libreria di web apps (funzionalità aggiuntive) da inserire tra le pagine.

WordPress

Definito da molti il CMS per eccellenza, WordPress è un software Open source prelevabile direttamente dalla rete (http://it.wordpress.org). Può essere utilizzato da chiunque con o senza esperienza in ambito informatico. E’ il CMS più utilizzato al mondo ed è anche uno degli strumenti più usati dalle Web Agencies per realizzare siti web professionali e portali di piccole e medie dimensioni. Con WordPress è possibile scegliere sia la strada dell’installazione proprietaria, sia quella dell’attivazione di uno spazio online su wordpress.com. Anche nel caso di wordpress abbiamo un pannello di gestione semplice ed intuitivo ma il vero punto di forza è la vasta repository di temi grafici (sia gratuiti che a pagamento) e di plugins (funzionalità aggiuntive) disponibili anche sul sito ufficiale.

Joomla

Joomla (sito ufficiale italiano joomla.it) è un potente CMS open source molto famoso ma meno utilizzato rispetto a WordPress. Anche nel caso di Joomla è possibile scegliere le due strade, quella dell’installazione autonoma, scaricando il software e seguendo la procedura assistita, oppure quella dell’attivazione di un servizio online su http://launch.joomla.org. È difficile dire quale sia il CMS open source migliore tra Joomla e WordPress. Magari provateli entrambi e valutate voi. Anche Joomla naturalmente ha una vasta repository di layouts grafici e plugins.

PWEB

PWEB (www.pweb.org) è un’iniziativa pensata dal Servizio Informatico della CEI, realizzato da IDS Unitelm e SEED e promosso da Weca. È piattaforma online per la creazione e gestione dei siti parrocchiali italiani e consente ad ogni parrocchia di gestire il proprio sito web, in autonomia e con assoluta semplicità. PWEB utilizza, come “motore” proprio WordPress, il CMS più usato al mondo e quindi ne eredita tutti i vantaggi. Il punto di forza è sicuramente quello di integrarsi con altri strumenti già utilizzati da numerose parrocchie come PMAP, SIPA e SIPAConnect. Già numerose parrocchie italiani hanno aderito al progetto PWEB, grazie anche ad un supporto puntuale ed efficace pensato appositamente per venire incontro alle esigenze dei siti web parrocchiali.

 

A voi quindi rimane la scelta di provare questi strumenti e valutare quale sia il migliore nel vostro caso specifico. Noi possiamo garantirvi che sono tutte opzioni valide per poter gestire in autonomia il vostro sito web attraverso sistemi molto semplici e, in alcuni casi, molto innovativi.

Testi: Danilo Di Leo



Per Associarsi a Weca

SEGUICI SU